Home Manifesto Rinascimente

Manifesto Rinascimente

Rinascimente: cos’è e cosa farà

Rinascimente è un nuovo progetto di Scuola, nato nel 2014  in Italia e con forte vocazione internazionale, promosso dalla Fondazione Enrica Amiotti, dal 1970 al servizio di insegnanti e alunni della Scuola statale. Rinascimente sviluppa, integra e diffonde l’esperienza di insegnanti e dirigenti scolastici eccellenti della Scuola pubblica, promotori di una “didattica del fare”, ricca di metodi laboratoriali, partecipativi e inclusivi, che vede bambini e ragazzi dai 4 ai 16 anni protagonisti attivi del processo di apprendimento e crescita personale. Questo nuovo modello di scuola promuove, inoltre, l’educazione all’ascolto e alle emozioni, e contribuisce all’instaurarsi di dinamiche di gruppo positive per tutti coloro che la frequentano e vi lavorano.

Rinascimente è un modello di Scuola a tempo pieno che scopre, valorizza e sviluppa i molteplici talenti e le intelligenze multiple dei giovanissimi, in tanti ambiti formativi altrettanto importanti: la matematica e le scienze, le lingue materne e straniere, la musica e le arti performative, i linguaggi non verbali e progettuali, il digitale e le scienze della terra, la storia e la lettura del territorio, il mondo dell’artigianato e quello dell’impresa sociale, le reti virtuali e sociali, in una prospettiva sia locale che internazionale.

Rinascimente vuole trasmettere ai giovanissimi il gusto di imparare, dis-imparare e ri-imparare per tutto il corso della loro vita, sviluppando quattro “life skills” centrali per il successo personale, professionale e sociale: pensiero creativo, pensiero critico, collaborazione e comunicazione. Rinascimente vuole formare giovani competenti, consapevoli, pieni di curiosità e di energia, sani e felici, facendo leva sulle parole d’ordine – mente, cuore, mani – dell’educatore del primo ‘800 Pestalozzi e riportate anche nel nostro logo.

Rinascimente è la Scuola per tutti i talenti e linguaggi espressivi. Si ispira al Rinascimento – quando arte e scienze, bellezza e utilità, teoria ed esperienza, erano intimamente legate – e alla migliore pedagogia “attiva” di inizio ‘800 e ‘900 (Pestalozzi, Montessori, Steiner, Dewey, Vygotsky), ma è anche immersa nel presente e guarda al futuro delle reti e delle tecnologie digitali.

 

Rinascimente è la Scuola:

di Tutti i Talenti della Curiosità e del Coraggio
di Tutti e per Tutti della Diversità e della Comunità
della Conoscenza Integrata e dell’Arte dalla Sperimentazione e Apprendimento Attivo
dell’Individualità e dei Gruppi dell’Attenzione e del Rispetto
dei Linguaggi Verbali e Non-Verbali della Comunicazione e degli Eventi
dell’Educazione e dell’Espressione Fisica della Natura e della Salute
del Valore del Tempo della Responsabilità
della Vita Impegnata e Ricca di Senso della Performance
dell’Eccellenza e della Felicità della Frugalità e della Manualità
dell’Intrapresa Economica e Sociale del Project Management.

 

Gli insegnanti e i dirigenti che aderiscono al modello di Rinascimente sono educatori appassionati e preparati, con il gusto dell’innovazione didattica e della sperimentazione, costantemente aperti agli stimoli, alle sfide e alle opportunità della società contemporanea. Sono capaci di trasmettere con la propria personalità, passione e il proprio esempio quotidiano quei valori di etica, di inclusione, scoperta e valorizzazione dei talenti, libertà di pensiero, entusiasmo e concretezza che fanno dell’educatore dei giovanissimi il mestiere più bello e – diciamolo – più importante del mondo. Dirigenti, docenti e discenti di Rinascimente saranno lieti di “mettersi in gioco” e di migliorarsi a vicenda, e di costruire relazioni forti e costruttive con le famiglie degli alunni. Partendo da questi presupposti, il lavoro del docente lega strutturalmente il passato, il presente e il futuro della nostra società.